Piano Nazionale di Contrasto all’Antibiotico-Resistenza (PNCAR) 2022-2025

Fonte articolo: Istituto Superiore di Sanitàvedi link

Il Piano Nazionale di Contrasto all’Antibiotico-Resistenza (PNCAR) 2022-2025 fa seguito al precedente PNCAR 2017-2020, prorogato per tutto il 2021 e nasce con l’obiettivo di fornire al Paese le linee strategiche e le indicazioni operative per affrontare l’emergenza dell’antibiotico-resistenza nei prossimi anni, seguendo un approccio multidisciplinare e una visione One Health, promuovendo un costante confronto in ambito internazionale e facendo al contempo tesoro dei successi e delle criticità del precedente Piano nazionale.

Il documento è stato approvato in Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 26 settembre 2022 in via informale e, formalmente, il 30 novembre 2022. È stato pubblicato sul sito del Ministero della Salute il 2 febbraio.

La strategia nazionale si basa su una governance inclusiva e integrata e si articola in quattro aree orizzontali di supporto a tutte le tematiche:

  1. Formazione
  2. Informazione, comunicazione e trasparenza
  3. Ricerca, innovazione e bioetica
  4. Cooperazione nazionale e internazionale

tre pilastri verticali dedicati ai principali interventi di prevenzione e controllo dell’antibiotico-resistenza nel settore umano, animale e ambientale:

  1. Sorveglianza e monitoraggio integrato dell’antibiotico-resistenza (ABR), dell’utilizzo di antibiotici, delle infezioni correlate all’assistenza (ICA) e monitoraggio ambientale.
  2. Prevenzione delle ICA in ambito ospedaliero e comunitario e delle malattie infettive e zoonosi.
  3. Uso appropriato degli antibiotici sia in ambito umano che veterinario e corretta gestione e smaltimento degli antibiotici e dei materiali contaminati.

Immagine 1: Struttura del PNCAR 2022-2025

Fonte: Piano Nazionale di Contrasto all’Antibiotico-Resistenza (PNCAR) 2022-2025

 

La Strategia nazionale di contrasto all’ABR definisce inoltre sei obiettivi generali per ridurre l’incidenza e l’impatto delle infezioni resistenti agli antibiotici:

  1. Rafforzare la prevenzione e la sorveglianza delle ICA in ambito ospedaliero e comunitario.
  2. Rafforzare l’approccio One Health, anche attraverso lo sviluppo di una sorveglianza nazionale coordinata dell’ABR e dell’uso di antibiotici, e prevenire la diffusione della ABR nell’ambiente.
  3. Promuovere l’uso appropriato degli antibiotici e ridurre la frequenza delle infezioni causate da microrganismi resistenti in ambito umano e animale.
  4. Promuovere innovazione e ricerca nell’ambito della prevenzione, diagnosi e terapia delle infezioni resistenti agli antibiotici.
  5. Rafforzare la cooperazione nazionale e la partecipazione dell’Italia alle iniziative internazionali nel contrasto all’ABR.
  6. Migliorare la consapevolezza della popolazione e promuovere la formazione degli operatori sanitari e ambientali sul contrasto all’ABR.

Le principali innovazioni riguardano una maggiore integrazione fra il settore umano, veterinario e ambientale per attuare più completamente l’approccio One Health; il rafforzamento e l’estensione delle sorveglianze; una maggiore attenzione alle ICA e alle attività preventive, in coordinazione con le iniziative già in atto (per esempio vaccinazioni e Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale); lo sviluppo di nuovi strumenti di supporto all’uso prudente degli antibiotici sia in ambito umano che veterinario, e una maggiore attenzione agli aspetti bioetici, alla trasparenza e alla comunicazione per favorire la partecipazione attiva di tutti i cittadini.

In ogni capitolo del Piano, sono indicati gli obiettivi e declinati in azioni e indicatori, nonché gli attori coinvolti e il periodo di completamento. Per garantire che il governo del Piano sia efficace e in linea con i principi del Piano Nazionale della Prevenzione (PNP) 2020-2025 (Piano Predefinito N.10, “Misure di contrasto all’antimicrobicoresistenza”), verrà inoltre istituita una Cabina di regia, composta da un numero ristretto di rappresentanti delle istituzioni centrali coinvolte e delle Regioni e Province Autonome. La Cabina di regia avrà i come compiti: individuare le responsabilità e garantire il coordinamento delle istituzioni nazionali coinvolte nel governo del PNCAR secondo un approccio One Health; assicurare il monitoraggio e l’aggiornamento della strategia nazionale di contrasto dell’ABR; favorire il recepimento e l’applicazione del piano, in maniera omogenea, al livello delle Regioni e Province Autonome.

 

Per maggiori informazioni:
Ministero della Salute – portale Antibiotico-resistenza 

 

 

 

Vedi anche:

Antibiotico-resistenza, la nuova minaccia per la nostra salute

Piano Nazionale di Contrasto all’Antibiotico-Resistenza (PNCAR) 2022-2025
Torna su