Rischio incendi boschivi

Il 30% della superficie del nostro Paese è costituito da boschi, caratterizzati da un’ampia varietà di specie che nel corso dei millenni si sono adattate alla straordinaria variabilità dei climi, da quelli subaridi dell’estremo sud della penisola a quelli nivali dell’arco alpino. Il patrimonio forestale italiano, tra i più importanti d’Europa per ampiezza e varietà di specie. I boschi, inoltre, sono l’habitat naturale di molte specie animali e vegetali.

Tuttavia ogni anno decine di migliaia di ettari di bosco bruciano a causa di incendi di natura dolosa o colposa, legate alla speculazione edilizia, o all’incuria e alla disattenzione dell’uomo. Negli ultimi trent’anni è andato distrutto il 12% del patrimonio forestale nazionale.

I mesi a più elevato rischio sono quelli estivi, quando la siccità, l’alta temperatura ed il forte vento fanno evaporare parte dell’acqua trattenuta dalle piante, determinando condizioni naturali favorevoli all’innesco e allo sviluppo di incendi.

Campagna antincendio boschivo Parco Nazionale del Gargano
Se avvisti un incendio chiama subito il 115 o 1515!
Nella perenne lotta contro il fuoco le nostre pistole sparano acqua!

ABBRUCIAMENTO STOPPIE – REGIONE PUGLIA

Sito web della Protezione Civile regione Puglia che mostra quando è possibile bruciare le stoppie in base alla previsione dei fattori meteorologici e ambientali che concorrono al rischio di propagazione degli incendi su scala comunale.
Il sito web fa riferimento a quanto stabilito dalla Legge Regionale n.38 del 12 dicembre 2016  – Norme in materia di contrasto agli incendi boschivi e di interfaccia.

Normative – Puglia

EFFIS

Il sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS) sostiene i servizi responsabili della protezione delle foreste dagli incendi nei paesi dell’UE e fornisce ai servizi della Commissione europea e al Parlamento europeo informazioni aggiornate e affidabili sugli incendi boschivi in ​​Europa.

Dal 1998, EFFIS è supportato da una rete di esperti dei paesi in quello che viene chiamato il gruppo di esperti sugli incendi boschivi, che è registrato sotto il segretariato generale della Commissione europea. Attualmente, questo gruppo è composto da esperti di 40 paesi in Europa, Medio Oriente e Nord Africa.

Nel 2015 EFFIS è diventata una delle componenti dei servizi di gestione delle emergenze nell’ambito del programma Copernicus dell’UE.